Un anno in WineHouse

L’occasione, va detto subito, è di celebrare il primo compleanno di WineHouseblog: siamo infatti andati on-line esattamente il 19 marzo di un anno fa. E siamo decisamente soddisfatti di come sono andate le cose finora, ben oltre le nostre aspettative: per questo ringraziamo di cuore chi ha scelto di seguirci e continua a farlo. Avevamo pensato subito di stilare una top 20, cioè i venti vini che in quest’anno di attività del blog ci avevano impressionato di più, nel nostro continuo peregrinare enologico. Erano quindi partite dissertazioni più o meno tecniche, risse e vendette trasversali sul perché una certa etichetta fosse da includere e un’altra da escludere: che il vino, quando se ne parla, divida quanto unisca è del resto una gran bella verità. Avevamo scartato subito l’ipotesi che ognuno di noi, per fare 20, stilasse la sua top 10, proprio perché del vino e sul vino troviamo bello discutere, confrontarsi, sbeffeggiarsi e anche incazzarsi a volte. E così, tra un appunto sulla qualità del tannino e un condizionamento emozionale per un terroir, ci siamo poi resi conto che era molto più semplice scegliere quelli che per noi erano risultati i più buoni: termine poco corretto quando si deve parlare del vino in maniera oggettiva, esaustivo come pochi in tutti gli altri casi. E questi 20 vini sono davvero buonissimi.
P.S. questa lista va presa comunque come l’istantanea di un momento, perché ora come ora potrebbe già essere differente, ed è un’altra cosa appassionante del vino…

  • Les Dorrées Chenin Blanc – La Grapperie

  • Oreno 2011 – Tenuta Sette Ponti

  • Sabbie di Sopra il Bosco 2012 – Nanni Copè

  • Frappato 2013 – Cos

  • Le Trame Chianti Classico 2012 – Podere le Boncie

  • Nocturne 2011 – Les Vignes de l’Ange Vin

  • Magma – Frank Cornelissen

  • Paleo Rosso Toscana IGT 2012 – Le Macchiole

  • Osso San Grato Gattinara 2010 – Antoniolo

  • Champagne Les Crayères 1er cru Brut – Leclerc Briant

  • Cortona Syrah 2011 – Stefano Amerighi

  • I Sodi Di San Niccolò Toscana Rosso IGT 2011 – Castellare di Castellina

  • Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva 1998 – Villa Bucci

  • Montepulciano d’Abruzzo 2000 – Emidio Pepe

  • Riesling Qualitatswine Trocken 1995 – Molitor

  • Ribolla 2007 – Gravner

  • Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2001 – Poderi Sanguineto I e II

  • Sgarzon Teroldego 2011 – Foradori

  • Château Ausone Grand Cru Classé Saint-Émilion 1997

  • Percristina Barolo 2007 – Domenico Clerico

Lascia un commento